benefici di matsyasana

Come fare matsyasana

COME FARE MATSYASANA

Matsyasana la posizione del pesce

In sanscrito, matsya significa “pesce” e asana “posizione”, per cui  Matsyasana viene tradotta come “la posizione del pesce”.

COME FARE MATSYASANA

  • Cominciare sedentoti sul tappetino in Padmasana (o Ardha Padmasana o Sukhasana).
  • Distenditi lentamente, avvicinando la schiena al tappetino
  • Metti le mani vicino alle orecchie, con i palmi rivolti a terra.
  • Fai pressione sulle braccia e stacca da terra il busto e la testa.
  • Appoggia la sommità della testa sul tappetino.
  • Appoggia le mani sulle cosce e i gomiti a terra.
  • Se riesci, afferrati gli alluci con le mani.
  • A questo punto respira e rilassati.
  • Mantieni questa posizione fino a quando è confortevole.
  • Esci dalla posizione lentamente e con consapevolezza.
  • appoggia le mani solleva la testa da terra senza contrarre le spalle e il collo, poi allunga prima la gamba sinistra e poi la destra.

BENEFICI DI MATSYASANA

Vediamo ora i benefici di matsyasana:

  • Attenua l’insonnia.
  • Rinforza i muscoli della parte alta della schiena e del collo.Riduce i fastidi legati alle infiammazioni emorroidali.
  • Allunga i muscoli intercostali e i muscoli psoas.
  • Distende i polmoni, aumentandone la loro capacità respiratoria e aiutando chi soffre d’asma.
  • Attiva le funzioni del sistema digerente e contribuisce a risolvere la costipazione
  • Lenisce i mal di testa causati da tensioni muscolari cervicali. Attenzione però poiché questa posizione è controindicata nei seguenti casi:-per chi soffre di ulcera peptica o ha ernie addominali e ombelicali importanti.-per chi ha subìto infortuni o soffre di patologie severe della zona lombare della schiena e quindi non riesce a inarcare la colonna
    Si può fare ma va fatto con cautela nel caso si sia in avanzato stato di gravidanza o se si soffre di pressione elevata o troppo bassa.

    Se vuoi approfondire e partire dalle basi vai a YOGA PER TUTTI.

Oppure via alla categoria yoga del nostro blog.

Scrivi un commento